Ducati: Valentino Rossi ci ha lasciato tante ferite

Autore dell'articolo: , pubblicato l'9 novembre 2022.

Il boss della Ducati MotoGP Paolo Ciabatti ha ammesso che il marchio italiano ha subito molte ferite in due stagioni di fallimenti con Valentino Rossi.

La Ducati ha vinto il suo primo titolo in 15 anni con Francesco Bagnaia quest'anno, mentre il periodo con Valentino Rossi ha avuto un pesante tributo a causa delle grandi aspettative e degli scarsi risultati.

Rossi è entrato a far parte della Ducati nella stagione 2011 e l'ha lasciata alla fine del 2012, durante il quale la combinazione italiana apparentemente da sogno ha ottenuto solo tre podi. Secondo Ciabatti, la situazione nella squadra era piuttosto tossica a causa della mancata collaborazione, al punto che a metà del 2013 pensò di andarsene dopo pochi mesi di collaborazione.

La collaborazione tra Ducati e Valentino Rossi nelle stagioni 2011 e 2012 non ha prodotto risultati visibili.
La collaborazione tra Ducati e Valentino Rossi nelle stagioni 2011 e 2012 non ha prodotto risultati visibili.

"Quando sono entrato in Ducati pochi mesi dopo l'acquisizione dell'Audi, stavamo assistendo ad alcuni cambiamenti", ricorda Ciabatti. "A causa delle grandi aspettative dalla collaborazione con Rossi, Filipo Presziosi se ne andò dopo due anni e la mancata collaborazione lasciò molte ferite nell'intera organizzazione. Di solito i problemi personali possono essere risolti in caso di fallimenti, ma quando le cose vanno completamente storte e ti trovi sotto l'estrema pressione dei media, dei partner e degli sponsor, a cui non puoi mostrare risultati, ci sono persone che cercano la colpa negli altri . Questo distrugge la squadra e l'intera squadra. Questa era la situazione nella squadra quando mi sono unito, quindi abbiamo dovuto licenziare alcune persone alla fine del 2013. Io stesso sono andato vicino a smettere a metà della stagione 2013. Non ci sono stati risultati, la Ducati ha avuto due stagioni senza successo con Valentino e Andrea Dovizioso e Nicky Hayden hanno avuto molti problemi. I media sono stati estremamente negativi nei nostri confronti e ci hanno accusato di essere stagnanti, il che era vero in una certa misura, poiché non avevamo un piano di sviluppo chiaro".

Secondo Paolo Ciabatti, la Ducati era sulla buona strada quando Luigi Dall'Igna è entrato a far parte della squadra di Arpilia alla fine del 2013.
Secondo Paolo Ciabatti, la Ducati era sulla buona strada quando Luigi Dall'Igna è entrato a far parte della squadra di Arpilia alla fine del 2013.

Ciabatti ha attribuito la svolta della Ducati a Claudio Domenicali, il direttore Ducati che alla fine del 2013 ha portato Gigi Dall'Igno in squadra. Gli ho detto che dobbiamo muovere qualcosa e che abbiamo bisogno di qualcuno che sappia guidare un progetto tecnicamente complesso come la MotoGP. Claudio è riuscito a convincere Gigi a lasciare l'Aprilia e quando si è unito a noi le cose sono andate per il meglio. Abbiamo avuto problemi anche perché non siamo grandi come i nostri concorrenti giapponesi. Il nostro progetto dipende molto di più da partner e sponsor. Ma in quel momento era difficile trovare qualcuno disposto a investire su di noi, come era disposto a fare con Valentino, e per l'attenzione dei media quando ha fallito, è stato difficile ripristinare la fiducia degli investitori, che poteva solo essere ripristinata con risultati. Puoi fare promesse, ma dopo una serie di pessimi risultati, è difficile convincere gli investitori. Sicuramente non è stato facile, quindi posso dire che questa nostra vittoria dopo tutti i problemi degli ultimi 10 anni è davvero straordinaria", ha aggiunto Ciabatti.

SlovenianEnglishItalianGermanFrenchCroatianBosnianSerbianCzechDutchRussianSpanishSlovakSwedish