Nessun risentimento tra Lorenzo e Marquez dopo un incontro ravvicinato alle FP3

MotoGP: Lorenzo ha inavvertitamente ostacolato Marquez
Autore dell'articolo: , pubblicato il 16 giugno 2019

Marc Marquez e Jorge Lornezo hanno chiarito un evento poco gradito fin dalle terze prove libere, dove quest'ultimo ha rotto il giro veloce dell'attuale campione del mondo. Lorenzo ha rallentato in linea di gara durante le terze prove libere nel momento in cui è stato superato da un compagno di squadra, che era su un giro veloce, con il quale ha cercato di assicurarsi un posto diretto nella seconda parte delle qualifiche. Il sette volte campione del mondo ha mostrato la sua rabbia per la moto, che si è placata quando è entrato nel garage. "Ero arrabbiato", ha ammesso, e dopo essersi scusato con Lorenzo, ha spiegato che la rabbia era dovuta all'incertezza se sarebbe arrivato in Q2.

“Ero arrabbiato mentre facevo un giro che mi avrebbe portato in Q2. Alla fine ci sono riuscito con il nono posto, che è il mio peggior punto di partenza in questa stagione. Mi sono ritrovato in mezzo alla pista due volte l'anno scorso e sono stato punito entrambe le volte. Queste cose accadono e quando lo fanno, tutti i corridori dovrebbero essere trattati allo stesso modo. Jorge si è scusato con me. Dopo l'allenamento, mi sono calmato e ho capito che non lo ha fatto perfettamente, perché nessuno vuole ostacolare l'altro, o almeno spero di no.

Non poteva sapere che ero dietro di lui e la mia reazione è stata dovuta al fatto che ero teso perché non sapevo se sarei riuscito a qualificarmi per la Q2 ”, ha aggiunto Marquez.

"Quello che è successo a Marco accade spesso in MotoGP", ha spiegato Lorenzo. “Ci concentriamo tutti sui nostri giri veloci. Devi essere veloce in tutti i tuoi allenamenti, quindi devi rimanere concentrato. A volte è difficile sedurre dalla linea ideale perché non sempre hai molte opportunità. In alcuni punti puoi uscire dalla pista, ma in altri non hai altra scelta che fare una deviazione sulla linea ideale. Nella terza prova ho fatto un giro veloce e poi avevo intenzione di farne un altro. Ma alla prima curva sono uscito di pista e quando sono tornato non sapevo che Marc fosse dietro di me. Sapevo che era vicino a Miguel Olivier, quando l'ho superato sull'aereo. "

Lorenzo ha concluso le qualifiche al decimo posto, quindi si aspetta di essere classificato tra i primi dieci su una moto Honda sin dalla gara. "Abbiamo lavorato per farmi sentire meglio sulla moto", ha detto. "Non abbiamo fatto grandi progressi, ma piccoli cambiamenti hanno migliorato il feeling. Ora posso guidare in modo più aggressivo, veloce e costante. Tuttavia, ci manca ancora molto per essere vicini al più veloce. Questo fine settimana siamo stati i più costanti finora. In una gara, invece, tutto è possibile. Molto dipenderà dalla partenza, dal ritmo della gara e dalle gomme. L'obiettivo realistico, però, è cercare di finire la gara per la prima volta nella top ten. Non siamo ancora abbastanza veloci per i primi cinque posti. Ma in una gara possono succedere molte cose. Chi può cadere, ma l'obiettivo è finire la gara per la prima volta nella top ten ”, ha aggiunto Lorenzo.

Foto: Honda

Se lo desideri, puoi donarci in modo rapido e sicuro tramite PayPal. Ogni contributo ci aiuta, il tuo team World of Speed!

Puoi donare a questo link ->Donare